Se non riesco a vedere i pensieri, le sensazioni e le emozioni di questo istante come una piccola parte di me, come qualcosa di separato dal resto di me, allora questi diventano tutto me stesso, e io cado in ciò che questo insegnamento chiama: stato di identificazione. In questa presentazione esamineremo tale stato. Faremo riferimento al racconto, riportato nella Genesi, della caduta dal Paradiso, quale rappresentazione simbolica di come, per negligenza, il cuore e la mente smettano di riflettere Dio, e cadano nell’Identificazione. Useremo la raffigurazione che Cranach fa di questa scena, e ci concentreremo sulla personale interpretazione che egli aggiunge al racconto biblico. E ci porremo, quale obiettivo della settimana, quello di osservare meglio che possiamo, e di opporci al cadere in stato di identificazione.